Main Page Sitemap

Last news

Come vincere la depressione ed essere felici

Prima di scendere nei meandri di questo tema di psicologia bisogna fare una distinzione sia a livello etimologico che di significato tra due termini che molto spesso vengono utilizzati come sinonimi: gioia e felicità.Tutti siamo sulla stessa barca: vorremmo trovare quello stimolo in più, quella


Read more

Distributore automatico gratta e vinci usato

Malgrado alcuni tentativi di cataloghi svincolati da interessi commerciali - come il cosiddetto Catalogo della Vittoria del 1923, curato dai maggiori esperti italiani capeggiati da Emilio Diena - la maggior parte dei cataloghi è più o meno apertamente legato a operatori del settore, così che.Dizionario


Read more

Tagli di capelli ragazzi 2018

Io mi sono innamorata di lui perchè sapevo che quei piccoli difetti si potevano migliorare, poi è un ragazzo con un carattere fantastico.Infatti non richiede tanti accessori da portare con se, prende pochissimo spazio ed ha una borsa viaggio.80, barbie Fashion Hair Salon, barbie Fashion


Read more

Conad da vinci telefono


Rispetto al precedente monitoraggio, del novembre 2011, emerge che finalmente lattenzione dei consumatori sta facendo la differenza e le etichette sono sempre più trasparenti.
Sono state esaminate dai volontari di Greenpeace.095 confezioni di 14 aziende (20 marchi) nei negozi di 21 città italiane.
Solo il 7 per cento delle etichette indicava larea di pesca e appena il 3 per cento il metodo di pesca utilizzato.
Nellultimo rilevamento, il nome comune e - questa è una novità - anche il nome scientifico della specie sono sempre più presenti.Purtroppo, oltre alla pesca eccessiva e troppo spesso illegale, sono proprio i metodi di pesca utilizzati a mettere a rischio il tonno.Cinque delle otto specie di tonno di interesse commerciale sono a rischio, compreso il tonno pinna gialla, il più consumato in Italia.Lindagine ha valutato presenza/assenza delle informazioni necessarie ai consumatori per effettuare acquisti consapevoli: lindagine non ha quindi valutato eventuali informazioni poste allinterno della confezione e inaccessibili al momento dellacquisto.Lelemento più critico resta linformazione sui metodi di pesca: un buon incremento è stato rilevato per Calvo/Nostromo, Mare Blu e Generale Conserve/As do Mar, mentre ci sono progressi anche per Coop, Mazzola/Maruzzella e per il marchio Moro di Icat Food.«Le pressioni dei consumatori hanno convinto molte imprese che la trasparenza non è un optional.Alcuni progressi sono sorprendenti e questo rende ancora più gravi i comportamenti omissivi di quelle aziende che restano poco trasparenti» afferma Alessandro Giannì, direttore delle Campagne di Greenpeace Italia.Roma,.06.2014 I volontari di Greenpeace continuano a monitorare le etichette del tonno in scatola.Sono state prese in considerazione varie tipologie di prodotti (come tonno allolio doliva, tonno al naturale, etc.Tra le aziende che hanno fatto maggiori progressi troviamo Calvo/Nostromo, Mareblu, Generale Conserve/As do Mar e Conad mentre restano al palo Mare Aperto/star e Carrefour.sia in lattina che in vasetti di vetro, mentre non sono stati oggetto di monitoraggio i prodotti trasformati quali sughi pronti, insalate o prodotti in tubetto.Nel 2011 non veniva specificata la specie di tonno nella metà dei prodotti monitorati.



Undici marchi hanno aumentato in modo netto le informazioni sullarea taglio scalato con ciuffo 2018 di pesca.
In assoluto, pur non facendo grandi progressi, resta elevato il livello di informazione ai consumatori di Coop e Esselunga.
Bastano pochi minuti per rispondere a cinque semplici domande.Leggi il briefing: consulta linfografica: guarda il video sulle conseguenze distruttive della pesca con i FAD: m/watch?I risultati di questo monitoraggio dimostrano che un cambiamento viral video marketing strategy è possibile anche grazie alla crescente attenzione dei consumatori.Completa il nostro sondaggio dedicato ai clienti per condividere con noi le tue opinioni sul sito.Spesso nelle scatolette finisce tonno pescato con metodi distruttivi, come i palamiti e le reti a circuizione con sistemi di aggregazione per pesci (FAD che causano ogni anno la morte di migliaia di esemplari giovani di tonno, squali, mante e tartarughe marine.





Le informazioni oggetto dellindagine riguardavano: nome comune della specie di tonno, nome scientifico, area di pesca (oceano di origine e specifica area FAO metodo di pesca.
Greenpeace rinnova la sua richiesta al settore conserviero di garantire piena tracciabilità e trasparenza, di non utilizzare specie a rischio e di impegnarsi a vendere solo tonno pescato in maniera sostenibile, per esempio con amo e lenza o senza FAD.
Per partecipare, clicca sul tasto Inizia sondaggio dopo aver visitato il sito.

[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap